• home
  • L'istituto - News

Prima sessione di tesi del 65° corso SAF-ISCR

Data: 25/11/2019

Giungono al traguardo dell’esame finale i primi quattro candidati del 65° corso SAF di Roma. Tutti temi di ambito archeologico o etnografico che si discuteranno il 27 novembre prossimo presso la sede ISCR del San Michele a Roma

Si ripete l’appuntamento del 27 novembre anche in questo 2019 per la giornata che vedrà i quattro candidati della sessione autunnale discutere le tesi per il conseguimento di diploma di Laurea magistrale in Conservazione e Restauro dei Beni Culturali per l’anno accademico 2017-2018.

Ad avvicendarsi al tavolo dei laureandi, a partire dalle ore 9.30, presso l’Aula Magna Cesare Brandi dell’ISCR, quattro allievi del PFP 4 (Materiali e manufatti ceramici, vitrei, organici. Materiali e manufatti in metallo e leghe) che si sono misurati in questo loro quinto anno di corso su temi e manufatti di ambito archeologico.o etnografico.

Aprirà la giornata Valeria Bellagamba con la tesi dal titolo Il restauro di ceramiche dipinte brasiliane di cultura kadiweu dalla Collezione Boggiani del Museo “Luigi Pigorini”. Materiali e metodi per l’integrazione cromatica. Proseguirà Raquel Delgado Llata (Microscavo di un pane di terra da una tomba falisca. Restauro dei manufatti in osso e in bronzo. Valutazioni sull’uso di consolidanti inorganici per l’osso archeologico) e Christian Pedone (Restauro del relitto E dagli scavi del porto antico di Napoli. Due metodi di consolidamento a confronto), per chiudere con Enrico Maria Sapienza con la tesi Reperti di epoca faraonica dal Museo Egizio di Torino. Il restauro di due calzature in pelle e di resti umani mummificati.

Le tesi saranno discusse davanti alla Commissione d’esame così composta: Luigi Ficacci (Presidente, Direttore ISCR), Francesca Capanna (restauratore ISCR), Sandra Ricci (biologo ISCR), Simona Pannuzi (archeologo ISCR), Vilma Basilissi (restauratore ISCR), Adriano Casagrande (restauratore ISCR), Stefania Di Marcello (restauratore Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per la Città dell’Aquila e i Comuni del Cratere), Miriam Lamonaca (Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia), Camilla Roversi Monaco (Docente dell’Accademia delle Belle Arti di Bologna), Luigia Sabbatini (Docente del Dipartimento di Chimica dell’Università degli Studi di Bari “Aldo Moro“), Carmela Ditella (segretario ISCR).

La seconda sessione d’esame per il conseguimento del Diploma di Laurea Magistrale in Conservazione e Restauro dei Beni Culturali LMR/02 (abilitante alla professione di Restauratore di Beni Culturali) è prevista per la primavera 2020, quando saranno discusse le altre cinque tesi di diploma degli allievi del 65° corso SAF ISCR di Roma, afferenti al PFP 1.

A seguire, dalle ore 15.00 alle 17.00, il Direttore ISCR, Luigi Ficacci, consegnerà i diplomi ai laureati dei corsi 61°, 62°, 63° e 64°.

Saranno presenti Marco Bartolini, Massimo Bonelli, Francesca Capanna, Donatella Cavezzali, Giovanna De Palma, Lidia Rissotto, Giorgio Sobrà

Nella foto grande in alto: durante l’intervento sulla ciotola Kadiweu (n.inv. 54061) dalla collezione Boggiani del Museo “Luigi Pigorini” (tesi di V. Bellagamba);
accanto al testo, dall’alto: dettaglio di una delle calzature S. 5150 conservate presso il Museo Egizio di Torino, dopo il restauro (tesi di E.M. Sapienza) e dettaglio del fasciame sud, vista esterna del relitto Napoli E, dopo il restauro (tesi di C. Pedone);
in home page: la proposta di posizionamento degli intarsi e della maniglia, appartenenti ad un cofanetto da toeletta femminile, rinvenuti nel 1999 in una tomba falisca nei pressi di Ponzano Romano (tesi di R. Delgado)